Una delle cose che diciamo sempre su questo blog e sulla quale crediamo nessuno possa avere dubbi, è quanto il sistema oculare sia complesso e proprio per questo una macchina perfetta. Uno dei suoi elementi più importanti, ossia la retina, è a sua volta una realtà complessa, composta da svariati strati, livelli, componenti e aree. Nel tempo proveremo ad approfondirle tutte; oggi parliamo delle cellule di Müller.

Che cosa sono le cellule di Müller?

Scoperte e inizialmente descritte da Heinrich Müller, fisiologo tedesco e grande studioso esperto dell’occhio umano, le cellule omonime sono un tipo di cellule gliali della retina, presenti nel bulbo di tutti gli esseri vertebrati.

Cellule gliali: che cosa si intende?

Quando parliamo di cellule gliali intendiamo cellule che servono come supporto per i neuroni, e anche in questo caso è così. Nello specifico le cellule di Müller servono come sostegno per l’epitelio retinico: qui esse fanno da tramite tra i neuroni, ossia le cellule bipolari, e si allungano tra gli strati, arrivando grazie a ramificazioni sino a coni e bastoncelli  e tramite prolungamenti attraversano tutta la retina. 

Qual è il ruolo principali delle cellule di Müller?

Il ruolo principale delle cellule di Müller è quello di mantenere la stabilità delle cellule della retina, regolando il funzionamento dei neurotrasmettitori, l’isolamento elettrico dei recettori e dei neuroni e la rimozione di materiale in eccesso. In particolare l’isolamento è una funzione importante: grazie alla divisione delle cellule eccitate adiacenti, esse evitano l’insorgere di cortocircuiti nervosi. 

Le cellule di Müller: un elemento microscopico ma importantissimo

Come sarà facile comprendere dopo aver letto il nostro articolo, le cellule di Müller sono un elemento importantissimo della retina in primis, e dell’intero sistema visivo piú in generale: senza queste minuscole cellule gliali possiamo dire con una certa sicurezza che la visione non sarebbe possibile. Ecco perché quella di Heinrich Müller è stata una scoperta considerata rivoluzionaria.

Share This