La scienza che dona le basi alla medicina oculistica ogni tanto si colora di consigli provenienti dalla cultura popolare: ecco dunque i suggerimenti per proteggere gli occhi d’estate o le storie sui fuochi fatui tra realtà e miraggio. Tra questi rientrano anche i rimedi della nonna o le sostanze sembrano curare ogni male, tra cui il cloruro di magnesio.

Che cos’è il cloruro di magnesio e perché viene utilizzato

Il cloruro di magnesio (la cui formula è MgCl2 · 6H20) è un integratore composto da Cloro (Cl) e Magnesio (Mg) come suggerisce il nome, e viene principalmente utilizzato per arginare le carenze di magnesio. In area non salutista, questo composto viene utilizzato nell’industria alimentare come regolatore di acidità ed esaltatore di sapidità, ed è ben conosciuto anche nell’industria cementifera e in quella tessile.

Impiegato in medicina per la prima volta durante la Prima Guerra Mondiale grazie all’intuizione di un medico francese, questo composto inorganico nei decenni sembra essere diventato la soluzione di ogni male, arrivando a essere indicato come elemento da assumere per curare le condizioni più disparate, dalla depressione al pre-ciclo mestruale.

Tra i benefici del cloruro di magnesio, oltre all’integrazione di magnesio, elenchiamo:

  • rafforza le difese immunitarie;
  • purifica il sangue;
  • riequilibra il ph intestinale;
  • aiuta in caso di depressione;
  • attenua il mal di testa;
  • dà sollievo in caso di orticaria, sciatica e artrite;
  • combatte la pressione bassa;
  • regala energia in caso di affaticamento muscolare e stanchezza;
  • aiuta a combattere i sintomi del raffreddamento;
  • è consigliato come integratore quando si pratica sport.

Cloruro di magnesio o Magnesio Supremo?

Esiste in commercio una versione di integratore al magnesio chiamata Magnesio Supremo: si tratta di un composto a base di magnesio carbonato e acido citrico che quando disciolta in acqua diventa magnesio citrato; questo composto è molto efficace poiché viene assorbito in maniera più veloce dall’organismo. Tuttavia, il costo è più elevato rispetto al semplice e più comune cloruro di magnesio, e questo è il motivo per cui molti preferiscono il secondo al primo.

Esistono controindicazioni al cloruro di magnesio?

Di fronte alla varietà e quantità di benefici che il cloruro di magnesio sembra apportare al nostro organismo, parlare di controindicazioni sembra incredibile; eppure ci sono, e accadono di sovente a causa dell’ingestione incontrollata di integratori, senza il consiglio di un medico. Se da un lato, infatti, il magnesio è un minerale dalle molte proprietà benefiche e va quindi di certo integrato quando si presenta a livelli bassi, dall’altro non molti sanno che ne serve una quantità davvero minima per raggiungere il fabbisogno quotidiano di un individuo. Spesso gli integratori vengono ingeriti con leggerezza e si incorre nell’ipermagnesemia, cioè l’eccesso di magnesio: questo comporta tutto il contrario degli effetti benefici ricercati, presentandosi con nausea, vomito, debolezza, pressione bassa, difficoltà respiratorie e aritmie.

Il cloruro di magnesio andrebbe inoltre evitato in caso di problemi renali e in alcuni casi di tiroide e ipertensione.

Per tutte queste motivazioni, è bene rivolgersi a un medico prima di assumere il cloruro di magnesio, soprattutto quando si è affetti da patologie in corso o si assumono già integratori e medicinali.

Dove si compra il cloruro di magnesio?

Il cloruro di magnesio può essere acquistato in farmacia o in erboristeria e disciolto grazie a una semplice formula a base di cristalli e acqua.

Share This