Ci sono zone del nostro viso che, più di altre, si segnano e dimostrano gli anni che passano. La più soggetta? Quella del contorno occhi, che andrebbe sempre curata con attenzione e delicatezza per mantenere al massimo l’elasticità della pelle, e prevenire i segni del tempo e la formazione di borse sotto agli occhi. A cosa serve, quindi, il contorno occhi? Scoprilo insieme a noi, leggendo questo articolo.

Perché il contorno occhi si segna?

L’area perioculare, come dicevamo, rappresenta una delle zone più delicate del nostro viso e tende a mostrare i segni di invecchiamento molto più velocemente delle altre.
Essendo poi sottoposta a sbalzi termici, agenti atmosferici ma soprattutto alle continue contrazioni dovute alle espressioni facciali, è facile capire come mai sia soggetta a questo tipo di problematica.

Senza dimenticare, inoltre, che si tratta di una zona dotata di pelle sottilissima, e quasi totalmente priva di ghiandole che producono sebo, oltre che essere una zona nella quale la circolazione sanguigna e linfatica risulta più rallentata rispetto alle altre aree, causando antiestetiche borse e occhiaie.

Quando bisognerebbe cominciare a prendersene cura?

Il migliore approccio sarebbe quello di cominciare già dopo i vent’anni con formulazioni più leggere, per poi passare successivamente a creme più ricche in sostanze mirate con effetti anti età, in modo da preservare al massimo l’elasticità e la tonicità di questa zona.

Come applicare la crema contorno occhi?

Il trattamento pensato per il contorno occhi – sia esso in crema, siero o gel – va applicato mattino e sera sulla zona. La quantità giusta? Quella che equivale alla dimensione di una gommina per matita, da picchiettare delicatamente con il polpastrelli di un dito che eserciti una pressione delicata. Il più indicato? L’anulare, che andrà a stendere il trattamento con movimenti circolari per stimolare la microcircolazione, fino a completo assorbimento.
Partendo dall’interno della parte inferiore dell’occhio si dovrà proseguire lungo tutta la linea dello zigomo, fino all’angolo esterno superiore dell’occhio, continuando poi sulla palpebra, sempre mantenendo la direzione dall’interno verso l’esterno, insistendo nei punti in cui tendono a formarsi le prime rughe.

Abbiamo risposto, quindi, alla domanda «a cosa serve il contorno occhi»? Puoi continuare a navigare nella sezione blog del nostro sito per scoprire altri articoli relativi a questa tematica, e approfondire tutto quello che ruota intorno alla vista, e agli occhi.

Share This