Possono essere diverse le problematiche legate agli occhi gonfi: dalle celebri borse sotto agli occhi, in primis, fino all’edema palpebrale. Come fare, quindi, per sgonfiare gli occhi e arginare il problema del ristagno di liquidi?

A cosa sono dovuti gli occhi gonfi

Non lo si sa, ma la zona interessata dalla problematica degli occhi gonfi è la palpebra. Che accumula liquidi per una diversa serie di motivazioni:

  • Ansia e stanchezza. Questi due fattori, fortemente connessi e spesso uno conseguenza dell’altro, sono acerrimi nemici della salute dei nostri occhi. L’aspetto molto affaticato del nostro viso, al quale gli occhi gonfi contribuiscono, è quindi strettamente legato a carichi di lavoro eccessivi o alla mancanza di sonno.
  • L’età. È inevitabile che l’avanzare degli anni indebolisca irrimediabilmente e inevitabilmente i muscoli e i tessuti del nostro corpo, compresi quelli che sostengono gli occhi e la pelle circostante. Un risultato naturale di questo cedimento? La comparsa delle borse sotto agli occhi.
  • Problemi circolatori. Allo stesso modo, alla base delle borse sotto agli occhi potrebbe esserci un cattivo flusso circolatorio, che fa si che si ritengano dei liquidi e si scateni un’infiammazione dei tessuti.
  • Blefarite. In quanto patologia benigna che colpisce le palpebre, questa provoca un’infiammazione o un’infezione a causa di una sovrapproduzione di batteri.

3 trucchi per sgonfiare gli occhi

  1. Il cucchiaio freddo

Si sa: il freddo aiuta a mettere in “moto” la circolazione e favorisce il drenaggio dei liquidi. Per questo motivo il trucco del cucchiaio freddo è un grande classico, ma che non perde mai la propria efficacia e assicura una pelle distesa.

Come fare? È davvero semplicissimo, se segui questo procedimento:

  • Metti sei cucchiai di metallo in freezer per 10 minuti
  • Tirane fuori due, e poi applica le parti arrotondate sopra i tuoi occhi
  • Rimettili in frigo e tira fuori i cucchiai freddi rimasti
  • Ripeti il procedimento fino a che non sentirai i tuoi occhi rinvigorire, e il gonfiore affievolirsi

2. Bustine del tè

Tra i grandi pregi della caffeina c’è sicuramente quello di restringere i vasi sanguigni sottopelle e di eliminare l’effetto scuro delle occhiaie intorno agli occhi. I polifenoli contenuti, inoltre, esercitano un’azione astringente, lenitiva e tonificante, molto utile per migliorare il tono circolatorio della zona e combattere i radicali liberi.

Procedere lasciando raffreddare 2 bustine di tè puro appena usate nel frigorifero. Una volta sdraiati appoggiarle delicatamente sugli occhi, e poi rilassarsi, lasciandole agire per 15 minuti. L’ultimo tocco? Sciaquare il viso con acqua fresca.

 

3. Fettine di cetriolo

Visto e rivisto – anche nell’immaginario collettivo – posizionare due fette di cetriolo sugli occhi è in realtà un sistema davvero efficace per sgonfiare gli occhi e decongestionare il bulbo oculare.

Basterà lavare accuratamente il cetriolo, e poi tagliarne alcune fette, che andranno poste in frigorifero per una decina di minuti. Una volta stesi, poi, posizionarle sulle palpebre chiuse, facendo il pieno dei benefici straordinari di questo vegetale. Il cetriolo, infatti, ha grandi proprietà lenitive ed è in grado di sgonfiare, attenuando gli antiestetici segni viola delle occhiaie.

Apporta infatti la giusta idratazione a un contorno occhi disidratato, lenendo e calmando i rossori diffusi della zona oculare donando immediatamente uno sguardo aperto e riposato.

Share This