Sono tanti i fattori che contribuiscono al benessere degli occhi: dall’ambiente circostante allo stress per il tanto lavoro davanti a uno schermo, da una dieta non equilibrata a una mancanza di sonno. Però ci sono buone abitudini che possono venirci incontro per migliorare la situazione, e pratiche antiche che si prendono cura del benessere dei nostri occhi ogni giorno. Conosci già lo yoga per gli occhi?

Lo yoga per gli occhi: consigli

Gli esercizi di yoga per gli occhi, così come proposti da Swami Satyananda Saraswati (fondatore della Bihar School of Yoga), sono da eseguire in sequenza, e idealmente con costanza tutti i giorni. I momenti migliori? Il mattino o la sera prima di coricarsi, restando rilassati. Ogni sforzo ulteriore, infatti, comporta affaticamento agli occhi, e non è quello che vogliamo.

Ricordati, inoltre, di riposare gli occhi dopo ogni esercizio, almeno per 30 secondi. Importante è non indossare lenti a contatto durante tutta la durata degli esercizi.

1. Palming

Sedersi tranquillamente e chiudere gli occhi, mentre si strofinano energicamente i palmi delle mani fra di loro, per scaldarli. Una volta fatto questo appoggiarli sopra alle palpebre, ma senza fare alcuna pressione, percependo la sensazione di calore ed energia che si trasmette agli occhi e ai suoi muscoli.

Abbassare le mani solo una volta che il calore delle mani è stato assorbito. Ripetere 3 volte.

2. Blinking

Sedersi con gli occhi aperti, e poi battere le palpebre aprendo e chiudendo velocemente gli occhi 10 volte.
Procedere poi a chiudere gli occhi, rilassandovi per 5 o 6 respiri profondi, prima di tornare a battere ancora le palpebre 10 volte velocemente e poi rilassarsi.
Eseguire il tutto per 5 volte.

3. Guardare lateralmente

Una volta assunta una posizione seduta con le gambe dritte di fronte al corpo, sollevare le braccia lateralmente all’altezza delle spalle, mantenendole dritte. Chiudete poi le mani a pugno, e puntare i pollici verso l’alto. Questi dovrebbero trovarsi alla periferia del campo visivo, nel momento in cui la testa è rivolta in avanti.

Cominciare ad eseguire l’esercizio osservando un punto fisso che si trova in fronte, all’altezza degli occhi.
Quindi, senza muovere lateralmente la testa, focalizzare gli occhi esattamente secondo questa sequenza:

  1. pollice sinistro
  2. spazio tra le sopracciglia
  3. pollice destro
  4. spazio tra le sopracciglia
  5. pollice sinistro.

Il ciclo va ripetuto 10 volte, mantenendo la testa e la spina dorsale ben erette. Una volta terminato, chiudere e riposare gli occhi, o eventualmente praticare il palming.

4. Fissare la punta del naso

Una volta seduti in una posizione comoda, distendere il braccio sinistro con il pollice verso l’alto, fissando la punta del pollice. Piegare poi lentamente il braccio, portando il pollice sulla punta del naso, mantenendo gli occhi focalizzati sul pollice per alcuni secondi.

Raddrizzare il braccio lentamente, continuando a fissare il pollice, e facendo attenzione al respiro: inspirare nel portare il pollice al naso, espirare nel distendere il braccio.
Ripetere il ciclo 10 volte, mantenendo la testa e la colonna vertebrale dritte.
Alla fine delle ripetizioni riposare gli occhi praticando il palming.

5. Guardare vicino e lontano

Questo esercizio va svolto in piedi o seduti davanti a una finestra aperta, preferibilmente con una visione chiara dell’orizzonte, mantenendo le braccia lungo i fianchi.

Mettere a fuoco gli occhi sulla punta del naso, per 5 secondi, e poi focalizzare la vista su un oggetto distante sull’orizzonte, per altri 5 secondi.
Ripetete questo processo 10 volte, prima di concludere gli esercizi rilassando gli occhi ed, eventualmente, facendo del palming.

 

 

Share This