Lo stile di vita attuale, il lavoro che svolgiamo e la realtà dalla quale siamo circondati non contribuiscono alla salute dei nostri occhi, e lo sappiamo bene. Dopo tante ore passate davanti allo schermo di un computer, per esigenze professionali, a peggiorare il tutto ci si mettono anche gli schermi dei cellulari e la televisione, magari guardata fino a tarda sera. È normale, quindi, che i nostri occhi siano particolarmente stanchi, e che magari inizino a manifestare alcuni segni di fastidio, come bruciore agli occhi o secchezza che perdura nel tempo.

Cosa fare, allora, per cercare di ovviare al problema? Continua a leggere per scoprire alcuni consigli – e buone abitudini – utili per prendersi cura degli occhi stanchi.

Le buone abitudini al lavoro

La cosa migliore, per chi lavora davanti allo schermo di un pc, sarebbe quella di dotarsi di uno schermo abbastanza grande, dai 19 pollici in su, da tenere a 60-70 centimetri di distanza. Ritagliandosi, inoltre, una pausa almeno ogni 2 ore, investendo qualche minuto per svolgere degli esercizi per rilassare gli occhi e concedergli un po’ di riposo.

Niente di complicato: basta anche solo chiudere gli occhi per qualche istante, appoggiando i gomiti sul tavolo, tenendo la schiena dritta e ponendo i pollici sulle tempie. Immagina un bel panorama, mentre riposi la vista, e respira profondamente.

Prima di tornare al lavoro, assicurandoti che lo spazio nel quale passi tanto tempo sia sufficientemente illuminato.

Combattere gli occhi stanchi con l’idratazione

Uno degli inconvenienti degli occhi stanchi, dicevamo, potrebbe anche essere la secchezza oculare. Oltre ad utilizzare, al bisogno, un collirio o delle lacrime artificiali (comodissime anche da avere sempre con sé, magari in borsa), hai mai pensato di dedicare ai tuoi occhi stanchi anche un impacco?

È semplice, e può essere fatto in moltissimi modi diversi: imbevendo dei dischetti di cotone in infuso di amamelide o camomilla, o anche ponendo delle fette di cetriolo sopra le palpebre chiuse, sigillando il tutto con un asciugamano caldo. Anche il tè nero aiuta, visto che è ricco di proprietà decongestionanti e antinfiammatorie: basta utilizzare delle bustine già usate, sia tiepide che fredde, tenendole per qualche minuto sopra gli occhi chiusi.

Acquistare degli occhiali con lenti anti luce blu

Mal di testa e senso di stanchezza generale sono solo alcuni dei risultati della sovraesposizione alle luci blu emesse dagli schermi di computer e cellulari. Perché non cercare arginare il problema, allora, optando per delle lenti con trattamento anti luce blu?

Sia che abbiate bisogno di occhiali da vista graduati, sia che invece la vostra vista funzioni benissimo già così, degli occhiali realizzati con questa tecnica, che oggi vengono definiti «riposanti», proteggono l’occhio dai danni apportati da questa luce.

Il più frequente? L’alterazione dei cicli circadiani, e quindi una compromessa qualità del ritmo sonno-veglia.

Ti potrebbero interessare anche:

Share This